Alfa Romeo Alfetta

Alfa Romeo Alfetta: ecco perché potrebbe arrivare dal 2023

Alfa Romeo Alfetta potrebbe essere il nome della futura ammiraglia della casa automobilistica milanese. Questo modello inizialmente era stato previsto nel piano industriale precedente, quello che per intenderci si chiuderà con la fine del 2018. In realtà però questo veicolo sebbene previsto dal piano industriale dello storico marchio milanese alla fine non è stato realizzato. Alcuni ritardi nel lancio di Alfa Romeo Stelvio e Giulia e alcuni cambiamenti nel gusto dei clienti ha spinto i dirigenti di Alfa Romeo ed in primis l’ex numero uno di Fiat Chrysler, Sergio Marchionne, a spostare la produzione di questo modello a data da destinarsi.


Dal 2023 in poi non ci stupiremmo di vedere nella gamma del Biscione una nuova Alfa Romeo Alfetta

Alfa Romeo Alfetta non ha trovato spazio nemmeno con il nuovo piano industriale, quello che precisamente è stato svelato lo scorso 1 giugno a Balocco dal nuovo numero uno del Biscione, l’amministratore delegato Tim Kuniskis. Tra i 4 modelli che saranno lanciati da qui al 2022 non c’è spazio infatti per una nuova ammiraglia di Alfa Romeo. Per il momento l’obiettivo della casa italiana è quello di lanciare modelli più popolari, vetture che possano far crescere di molto le immatricolazioni. Del resto come sappiamo l’obiettivo fissato da Fiat Chrysler per Alfa Romeo è quello di raggiungere le 400 mila immatricolazioni annue entro il 2022. Solo modelli che possono garantire numeri importanti dunque sono stati considerati utili alla causa.

Per il momento Alfa Romeo ha preferito dare la precedenza a vetture che possono aumentare di molto le vendite

Per questo dunque piuttosto che un’Alfa Romeo Alfetta alla fine la gamma del Biscione si arricchirà con un Alfa Romeo E-Suv, un modello quest’ultimo che in mercati come quello cinese e quello americano potrebbe fare sfracelli e contribuire ad una crescita massiccia delle consegne di auto targate Alfa Romeo. Nonostante la futura ammiraglia sia stata già per due volte annunciata e poi non prevista, ci sentiamo di dire che a nostro avviso questo modello in futuro potrebbe anche arrivare. Infatti nel caso in cui le cose per il brand milanese si dovessero mettere bene nei prossimi 4 anni, allora le speranze di vedere una nuova Alfetta crescerebbero di molto.

Alfa Romeo Alfetta: ecco perché potrebbe arrivare dal 2023

In futuro però il Biscione potrebbe arricchire la sua gamma con una nuova ammiraglia che ne accrescerebbe il prestigio

Quando Alfa Romeo tornerà a garantire numeri di vendita elevati e finalmente riuscirà ad avvicinarsi alle dirette concorrenti del segmento Premium del mercato auto quali ad esempio Audi, Bmw e Mercedes, allora una nuova Alfa Romeo Alfetta diventerà qualcosa di possibile. Un’ammiraglia del Biscione infatti finirebbe per completare la gamma di Alfa Romeo e rappresenterebbe il fiore all’occhiello della Line-up. Un simile modello, che ovviamente alla fine potrebbe anche avere un nome diverso, finirebbe per aumentare ulteriormente il prestigio della gamma del Biscione in un segmento di mercato dove comunque anche l’immagine conta molto.

La vettura potrebbe essere realizzata su una versione allungata della piattaforma modulare Giorgio e utilizzare motori più potenti di quelli di Stelvio e Giulia. Ovviamente la principale caratteristica di un simile modello sarebbe il lusso, visto che parliamo comunque della eventuale top di gamma del brand milanese. Sicuramente i numerosi fan del Biscione si augurano con tutto il cuore un giorno di poter assistere al debutto di una simile vettura che completerebbe nel miglior modo possibile una gamma che nel frattempo avrà accolto numerosi altri modelli e che dunque non avrà più niente da invidiare a nessuna altra casa automobilistica.