Alfa Romeo Giulia è più affidabile di Audi, Bmw e Mercedes secondo "What Car?"

Alfa Romeo Giulia, ma cosa sta succedendo?

Alfa Romeo Giulia dopo un inizio brillante di 2018 sembra adesso in difficoltà nei principali mercati auto del mondo. La berlina di segmento D della casa automobilistica del Biscione che fu presentata in pompa magna dall’allora numero uno di Fiat Chrysler Automobiles, Sergio Marchionne, il 24 giugno 2015 presso il Museo “La Macchina del tempo” di Arese, sta vivendo un periodo di appannamento. Già negli scorsi mesi un calo delle vendite si era registrato, ma questo si è accentuato maggiormente nel mese di settembre che si è appena concluso.


Alfa Romeo Giulia: vendite in calo in tutto il mondo, fenomeno preoccupante o crisi passeggera?

Per comprendere la portata del fenomeno basta analizzare le vendite che Alfa Romeo Giulia ha ottenuto in Italia e negli Stati Uniti, due dei mercati più importanti per il Biscione in questo momento storico. In Italia ad esempio le vendite della berlina sono state bassissime, appena 183 unità vendute. Questo risultato ha portato il dato complessivo del 2018 a 6 mila, un dato che si traduce in una flessione del 19 per cento rispetto ai risultati ottenuti al termine dei primi 9 mesi del 2017.

Anche negli Stati Uniti Alfa Romeo Giulia sembra aver perso lo smalto iniziale. La berlina negli States ha venduto a settembre un totale di 756 unità. In questo caso, si tratta di una flessione del -17%. In America se si guarda a tutto il 2018 però il dato di Giulia rimane positivo. La vettura infatti ha venduto 8.933 unità con una crescita del 39 per cento. Alfa Romeo Stelvio ha sorpassato lo scorso mese nelle vendite generali Giulia in USA. Il Suv del Biscione infatti ha venduto in USA esattamente 9.044 unità. Lo scorso anno in USA fu Giulia la vettura più venduta di Alfa Romeo.

Alfa Romeo Giulia, ma cosa sta succedendo?

La situazione è comunque la stessa un po’ in tutto il mondo e in tanti si interrogano se si tratti di un fenomeno preoccupante o di una crisi passeggera. La vettura probabilmente paga la crisi che stanno vivendo in tutto il mondo le berline sempre meno scelte dai clienti rispetto a Suv e crossover. Vedremo dunque se Alfa Romeo Giulia saprà superare questo momento.