Home News Alfa Romeo nel 2019 sfonderà quota 200 mila unità a livello globale?

Alfa Romeo nel 2019 sfonderà quota 200 mila unità a livello globale?

-

Le vendite di Alfa Romeo sono in continua crescita in tutto il mondo. Da quando sul mercato sono arrivati i nuovi modelli Giulia e Stelvio, in molti paesi le immatricolazioni della casa automobilistica del Biscione crescono mese dopo mese. Nel 2018 a livello globale l’obiettivo dello storico marchio italiano sarà quello di avvicinarsi quanto più possibile a quota 170 mila, un traguardo che ad inizio anno era stato fissato dai dirigenti del gruppo Fiat Chrysler Automobiles ed in primis dall’ex numero uno, il compianto Sergio Marchionne.

Per il 2019 l’obiettivo di Alfa Romeo sarà quello di raggiungere e superare quota 200 mila unità immatricolate

In base a quelli che sono i dati di vendita registrati da Alfa Romeo nella prima metà del 2018 questo traguardo dovrebbe poter essere raggiunto. Nel 2019 ovviamente le ambizioni del Biscione cresceranno ulteriormente è facile prevedere che per il prossimo anno la sfida sarà quella di raggiungere e superare quota 200 mila unità, un dato che da moltissimo tempo il marchio milanese non raggiunge.

Entro il 2022 il Biscione dovrà arrivare a 400 mila immatricolazioni annue

Il 2019 che potrebbe concludersi con la presentazione di uno o due dei nuovi modelli del Biscione previsti dal nuovo piano industriale potrebbe dunque rappresentare l’anno in cui Alfa Romeo arriva a metà strada di quello che è il suo obiettivo finale da raggiungere entro il 2022. Ci riferiamo ovviamente al traguardo delle 400 mila immatricolazioni annue, un obiettivo questo che potrà essere raggiunto solo quando tutti i nuovi modelli che devono essere lanciati ed in particolari i due futuri suv saranno disponibili nella gamma del marchio italiano.

Alfa Romeo Giulia e Stelvio
Alfa Romeo Giulia e Stelvio

L’anno prossimo non dovrebbero esserci grandi novità per il Biscione, forse al massimo potrebbe essere commercializzata la nuova versione di Alfa Romeo Giulietta. In ogni caso ciò non avverrà prima della seconda parte dell’anno. Toccherà dunque ancora a Stelvio e Giulia farsi carico della crescita del brand italiano di Fiat Chrysler Automobiles per raggiungere le 200 mila immatricolazioni.