Scomparsa di Chrysler sembrava vicino nel 2009 come la casa automobilistica degli Stati Uniti si è trovata alle prese con il fallimento, sostenuta solo da miliardi in prestiti governativi di emergenza approvati nell’ambito delle amministrazioni degli ex presidenti degli Stati Uniti George W. Bush e Barack Obama. Eppure Sergio Marchionne , che a quel tempo aveva servito per mezzo decennio come Amministratore delegato di Fiat Auto, ha visto in Chrysler l’opportunità di ottenere un partner in grado di aiutare a ridurre i costi di sviluppo prodotto e aumentare la distribuzione.

Quindi, mentre l’amministrazione Obama ha fortemente preso in considerazione la liquidazione di Chrysler, il business executive italo-canadese si è offerto di acquistare invece una partecipazione di controllo nella vecchia casa automobilistica statunitense, “scegliendo il business Chrysler per quasi nulla”, come afferma AutoPacific Manager di analisi del prodotto Dave Sullivan. “Era un regalo.”

Sarebbe un altro mezzo decennio prima che il Gruppo Fiat prendesse la piena proprietà di Chrysler, fondendosi per creare Fiat Chrysler Automobiles, ma non ci è voluto da nessuna parte il marchio Fiat per rilanciare in Nord America dopo 25 anni di assenza. La Fiat stessa era in un momento di stallo; la casa automobilistica italiana aveva perso 7 miliardi di dollari prima che Sergio Marchionne prendesse il volante nel 2004. Nonostante avesse combattuto per tornare al nero entro due anni estraendo circa $ 2 miliardi da una partnership strategica GM e licenziando migliaia di lavoratori, il suo futuro era lontano da certo.

“Se restiamo fermi e non facciamo nulla, siamo condannati”, ha detto Marchionne anni fa, secondo una nota dell’analista Max Warburton di Sanford Bernstein. “Non posso chiuderlo, è una compagnia automobilistica. Ho provato a venderlo, credimi, ma non ci sono acquirenti. L’unica via d’uscita è costruirla. ”

E lo costruì, lavorando instancabilmente e, secondo alcuni, praticamente vivendo su un aereo, permettendogli di essere pratico in Nord America, Europa e Asia del Pacifico mentre il costruttore automobilistico lottava per guadagnare solide basi in quei mercati. Era famoso tra i dirigenti automobilistici di tutto il mondo per non essere coinvolto nella montatura che circonda l’elettrificazione, i veicoli autonomi e la mobilità, dimostrandosi abbastanza capace di essere sincero nella sua valutazione di questi argomenti.

“Non conosco un [produttore automobilistico] che stia facendo soldi vendendo veicoli elettrici a meno che non li stia vendendo alla fascia molto più alta dello spettro”, ha detto Sergio Marchionne ad una conferenza stampa dell’auto lo scorso gennaio. “Ogni volta che andiamo agli show automobilistici, l’intensità con cui facciamo questi proclami sale in modo esponenziale”, ha aggiunto, riferendosi alle affermazioni dei costruttori automobilistici su come l’elettrificazione e l’autonomia trasformeranno il mondo, prima di dire che FCA rimarrebbe “tecnologicamente neutrale” “.

Non è l’unica area in cui l’esecutivo si è dimostrato un anticonformista. Per anni, l’amministratore delegato ha spinto forte per un legame con un’altra grande casa automobilistica globale , insistendo sul fatto che un maggiore consolidamento all’interno del settore era l’unica via da seguire. E anni fa, mentre le case automobilistiche rivali erano ancora fieramente impegnate in piccole auto a basso consumo di carburante, ha firmato l’annullamento della Dodge Dart e Chrysler 200 , senza rimpiazzi in vista.

La Ford si è appena limitata a fare una mossa simile, annunciando all’inizio di quest’anno che annullerebbe tutti i suoi modelli di “berlina tradizionale” in Nord America a causa delle vendite in calo. Una casa automobilistica non deve necessariamente offrire un concorrente in ogni singolo segmento, si scopre.

Forse il più preveggente di tutte le mosse di CEO di Marchionne, ha dato il suo pieno supporto dietro al marchio Jeep mentre le vendite crossover e SUV continuano a crescere, sia in Nord America che all’estero. Negli ultimi anni, sia la Jeep Cherokee che la Grand Cherokee hanno ricevuto aggiornamenti significativi, Compass e Wrangler sono stati completamente riprogettati e per il 2015 il marchio ha lanciato la subcompatta Renegade , truccando i piani per far emergere altri due nuovi di zecca Targhette SUV in Nord America abbastanza presto.

I risultati sono stati assolutamente spettacolari, con le vendite negli Stati Uniti di marca Jeep quadruplicate a quasi 930.000 unità nel 2016 da circa 230.000 quando Marchionne è diventato CEO di Chrysler nel 2009. Il marchio ha riscosso un successo simile in Europa e Cina e FCA ha stabilito un obiettivo di raggiungere 1,9 milioni di vendite globali totali quest’anno. (Non è un caso che il nuovo CEO di Fiat Chrysler provenga dall’ambitissimo marchio Jeep della casa automobilistica.)