Ferrari sta lavorando a un motore ibrido a quattro cilindri?

Un nuovo motore ibrido Ferrari potrebbe essere in lavorazione se un nuovo brevetto scoperto da Autoguide lo rende alla produzione.


Secondo un deposito presso l’ufficio brevetti dell’UE, la Ferrari sta sviluppando un motore a induzione forzata che contiene una turbina all’interno del condotto di scarico che alimenta un generatore elettrico che immagazzina energia. Questa energia elettrica viene quindi diretta a un motore elettrico che alimenta le ruote anteriori e invia anche energia a un compressore elettrico che può inviare aria nel motore stesso.

Ci sono un paio di vantaggi in questo design, come nota Autoguide .

Innanzitutto, c’è il potenziale per ridurre il ritardo del turbo perché il motore elettrico che alimenta le ruote anteriori può compensare fornendo una spinta di potenza quando necessario.

In secondo luogo, Ferrari si aspetta che questa turbina migliori il suono dello scarico: più velocemente la turbina gira, più alto diventa il tono dello scarico, mentre lo spin lento genera un tono più profondo. La turbina regolabile sarà in grado di modulare la nota di scarico come richiesto, al contrario di una valvola di scarico che ha realmente solo due impostazioni. Ciò non significa che l’impostazione di questa turbina regolerà le prestazioni del motore : è lì che entra in gioco il generatore elettrico, fornendo potenza anche se la turbina è modulata per girare più lentamente. Almeno questo è l’obiettivo di questo design.

Il brevetto mostra che una turbina potrebbe essere utilizzata per generare energia elettrica per ridurre il ritardo del turbo, mentre modifica anche il tono della nota di scarico.

Vedremo davvero (e sentiremo) questo ibrido? Ferrari non si è impegnata a collocarlo in un dato modello. Ma il deposito dei brevetti suggerisce che potrebbe funzionare con qualsiasi numero di cilindri, non solo un quadrupolo come raffigurato nel disegno del brevetto. Un V8 potrebbe anche usare un tale sistema se assumiamo che il brevetto rappresenti metà del motore V8.

Ma è vero che devi riportare indietro alcuni capitoli nella storia della casa automobilistica – fino agli anni ’50 – per trovare le auto da corsa Ferrari usando motori a quattro cilindri di piccola cilindrata. A questo proposito, una Ferrari a quattro cilindri è più probabile ora che negli anni ’80 quando i quattro cilindri non potevano produrre così tanta potenza. Considerata l’adozione da parte dell’industria automobilistica di quattro pentole con molti turbocompressori e sovralimentatori (e altre cose imbullonate), non è troppo difficile immaginare una Ferrari che offre questo ibrido come opzione. Soprattutto ora che ogni vettura sportiva si sente obbligata a essere un ibrido in qualche modo, anche un “mite”.