Fiat Chrysler
Fiat Chrysler

L’amministratore delegato di Fiat Chrysler Automobiles (FCA), Mike Manley, afferma di vedere “opportunità molto significative” nel collaborare con altre case automobilistiche su progetti di guida autonoma e di elettrificazione nei prossimi due o tre anni. FCA sta cercando di aggiustare un business che sta perdendo soldi in Asia e in Europa, mentre le vendite in Nord America, che generano la parte del leone dei profitti dell’azienda, stanno rallentando.

Manley ha detto agli analisti in una teleconferenza venerdì scorso che è pronto a stringere un patto con altre aziende mentre le attività europee si scontrano con alti costi di manodopera nei siti di produzione in Italia e le spese per l’elettrificazione della gamma. Manley, che è succeduto a Sergio Marchionne a luglio pochi giorni prima della morte di quest’ultimo, sta già espandendo la sua collaborazione su furgoni commerciali ad alto margine in Europa con il gruppo PSA. L’amministratore delegato ha dichiarato che prenderà sicuramente in considerazione l’utilizzo dell’architettura dei veicoli elettrici di PSA in quanto il produttore automobilistico lavora per soddisfare le più severe norme sulle emissioni nella regione.

La società sta esplorando una partnership con PSA per collaborare a una “super piattaforma”, ha riferito Bloomberg il 30 marzo. Nel corso dei prossimi tre anni, Fiat Chrysler investirà 2 miliardi di dollari in crediti per le emissioni regolamentari per garantire che sia conforme alle leggi mentre progetta di portare sul mercato un gran numero di nuovi veicoli ibridi plug-in ed elettrici, il cui appeal per i consumatori è ancora incerto.

“Credo che i prossimi due o tre anni offriranno opportunità molto significative” per collaborare con altre case automobilistiche, ha dichiarato Manley. “Fiat Chrysler giocherà un ruolo attivo e costruttivo nel modo in cui viene definito quel futuro.” Le azioni di FCA sono balzate del 6,2% a New York dopo queste dichiarazioni.

Ti potrebbe interessare: Fiat Chrysler risarcirà i suoi clienti per le emissioni in eccesso, trovato l’accordo