Fiat Chrysler

Fiat Chrysler dovrebbe sbarazzarsi di Alfa Romeo e Maserati secondo un investitore

Il consiglio di Fiat Chrysler Automobiles viene sollecitato da un piccolo investitore a prendere in considerazione la possibilità di vendere la propria attività europea e, infine, di avviare la  cessione di Maserati e Alfa Romeo per concentrarsi sui suoi proficui marchi statunitensi. ADW Capital Management, da sempre azionista, sta premendo su questa e altre proposte per sollevare le azioni della casa automobilistica e “eliminare la sua valutazione di turnaround”, ha detto in una lettera inviata al consiglio di amministrazione giovedì. Il fondo non è tra i primi 100 azionisti di Fiat. La dipendenza di FCA dal mercato statunitense è stata chiara durante il terzo trimestre, quando i modelli di vendita caldi come la Ram 1500 e la Jeep Wrangler hanno portato a operazioni in Nord America che hanno generato il 97% dei profitti.


Mentre come vendite nella regione ha superato Ford e ha eguagliato il margine della General Motors, la valutazione di Fiat Chrysler nel suo complesso continua ad essere penalizzata dalle attività europee. “Mentre Fiat ha marchi premium in crescita secolare, il bilancio più forte e il più alto profilo di crescita di tutte le case automobilistiche statunitensi, l’azienda scambia uno sconto significativo sui suoi omologhi più vicini, GM e Ford”, ha dichiarato Adam Wyden, 34 anni, ADW la lettera ottenuta da Bloomberg News.

Wyden cambierebbe il nome dell’azienda in JeepRAM per riflettere i suoi marchi più forti e adotterebbe i principi contabili US GAAP per consentire a più fondi indicizzati negli Stati Uniti di investire nelle azioni. Ecco una carrellata delle proposte più aggressive del fondo:

• Combinare il marchio Fiat in Europa con un’altra casa automobilistica focalizzata sulla regione, come il Gruppo PSA. Questo focalizzerebbe la gestione sulle imprese americane con margini più elevati che sono preparate per la crescita internazionale

• Scambiare o vendere azioni in un business combinato Maserati e Alfa Romeo

• Unirsi a un peer nordamericano, ad esempio GM, per risparmiare sui costi

Fiat Chrysler non ha avuto commenti immediati sulla lettera. La società ha dichiarato di voler rimanere indipendente attraverso il piano quinquennale fino al 2022. ADW gestisce 150 milioni di dollari e Fiat è il più grande investimento. Il fondo ha in precedenza cercato di assumere un ruolo attivo nelle società in cui il fondo detiene una partecipazione.Wyden ha scritto una lettera simile sostenendo che Diamond Resorts International si sarebbe venduta, mesi prima che Apollo Global Management acquisisse l’azienda nel 2016.

Fiat Chrysler è controllata dall’Exor della famiglia Agnelli, che detiene oltre il 50% dei diritti di voto. Questo livello di controllo ha lasciato poco spazio alle richieste degli investitori. ADW, fondata nel 2011, è azionista dal 2014. Le azioni di Fiat Chrysler sono più che triplicate dalla quotazione nel 2014. Sergio Marchionne, l’ex amministratore delegato scomparso a luglio, ha contribuito a far rinascere Chrysler dalla bancarotta ristrutturando l’attività e separando le attività precedentemente possedute da Fiat. Il profitto è più che raddoppiato dal 2013 dalle maggiori vendite di Jeep e dall’eliminazione del debito netto non finanziario. Il produttore di supercar Ferrari è stato scorporato nel 2015. Da luglio, quando Mike Manley ha sostituito Marchionne, le azioni statunitensi di Fiat Chrysler sono diminuite del 13 per cento. La società ha inoltre abbassato le prospettive di profitto per l’anno in relazione alle vendite più deboli in Cina.