Fiat Chrysler
Fiat Chrysler

Un giudice federale di San Francisco venerdì ha approvato un accordo civile da 307,5 ​​milioni per circa 100.000 proprietari statunitensi di veicoli diesel Fiat Chrysler che secondo il governo avrebbe utilizzato un software illegale che ha fatto emettere emissioni in eccesso. In base all’accordo approvato dal giudice Edward Chen, circa 100.000 proprietari e locatari di Ram 1500 e Jeep Grand Cherokee diesel con motore da 3,0 litri degli anni modello 2014-2016 riceveranno i pagamenti per il completamento di un reflash software. La maggior parte dei proprietari riceverà 3.075 dollari in risarcimento.

Gli attuali proprietari e titolari di leasing hanno tempo fino al febbraio 2021 per presentare un reclamo e fino al maggio 2021 per completare la riparazione e ricevere un risarcimento, mentre gli ex proprietari hanno tempo fino ad agosto per presentare un reclamo. Fiat Chrysler ha stimato il valore totale dei vari risarcimenti in circa 800 milioni. Robert Bosch GmbH, che ha fornito il software di controllo delle emissioni per i veicoli Fiat Chrysler, ha accettato di pagare 27,5 milioni per risolvere le richieste dei proprietari di diesel, mentre il gruppo italo americano pagherà ai suoi clienti un totale di 307,5 ​​milioni. FCA sta inoltre pagando 311 milioni in sanzioni civili totali alle autorità di regolamentazione statunitensi e californiane, concedendo garanzie estese per un valore di 105 milioni. Fiat Chrysler sta inoltre pagando 72,5 milioni per sanzioni civili statali e 33,5 milioni alla California per compensare le emissioni in eccesso e le richieste dei consumatori. Le due aziende inoltre hanno accettato di pagare 66 milioni agli avvocati che rappresentano i proprietari dei veicoli.

La pesante penalità è stata l’ultima conseguenza del rafforzamento delle norme sulle emissioni dei veicoli da parte del governo degli Stati Uniti dopo l’ammissione di Volkswagen AG nel settembre 2015 di aver eluso deliberatamente le norme sulle emissioni. Le autorità di regolamentazione hanno detto che Fiat Chrysler ha usato “dispositivi di disfunzione” per imbrogliare i test delle emissioni nella guida del mondo reale. I regolatori statunitensi stanno anche riesaminando il processo di certificazione delle emissioni di Ford Motor Co e le domande sulle emissioni di alcuni veicoli Daimler AG.