Il Pentastar V6 di FCA potrebbe presto essere abbandonato

Fiat Chrysler Automobiles (FCA) ha intenzione di ritirare l’onnipresente Pentastar V6 in favore di un nuovo sei cilindri in linea con turbocompressore. Il motore Pentastar, pubblicato per la prima volta nel 2010 in Jeep, Dodge e Chrysler, è stato utilizzato in numerosi modelli da Wrangler a Dodge Charger. Costruito in 3.0, 3.2 e 3.6 litri con capacità fino a 305 CV, è una sorta di istituzione moderna.


Ma, secondo un rapporto sul sito di appassionati di FCA, Allpar.com, il gruppo italo americano starebbe sviluppando un nuovo motore in linea a sei cilindri che potrebbe avere un utilizzo ancora più ampio in Fiat Chrysler di quanto non abbia il Pentastar. Con la sovralimentazione turbo il nuovo motore sarà notevolmente più efficiente nei consumi e persino abbastanza compatto da poter essere inserito in quasi tutte le piattaforme FCA.

L’obiettivo, dice il rapporto, è quello di rendere il motore lungo solo tre pollici (al massimo) rispetto all’attuale quattro pollici di Pentastar. Eppure non sarà un motore di piccola capacità. Il fatto di essere un motore a tre litri porterà vantaggi fiscali in alcuni mercati in tutto il mondo mantenendo un volume sufficiente per generare grandi output di potenza. La turbocompressione può essere fornita da una singola chiocciola a doppio scorrimento o da due elementi gemelli nelle auto ad elevate prestazioni.

La prima auto che potrebbe ottenere il nuovo motore è la Jeep Wagoneer o la prossima Cherokee. Entrambi beneficerebbero dell’equilibrio naturale e della coppia dolce di un sei cilindri turbo – e presto verrebbero raggiunti da decine di altri modelli tra cui potrebbero esserci anche alcuni veicoli di Alfa Romeo e Maserati.