Kimi Raikkonen: l’addio alla Ferrari un duro colpo per la F1 secondo Toto Wolff

Dopo cinque anni a Maranello, il finlandese Kimi Raikkonen si trasferirà all’Alfa Romeo Sauber nel 2019 mentre il suo posto in ferrari sarà preso dall’emergente Charles Leclerc. Raikkonen ha avuto una buona stagione nel 2018 rispetto agli ultimi anni, conquistando la pole position in Italia e una vittoria negli Stati Uniti e rimane uno dei piloti più famosi sulla griglia. Il numero uno di Mercedes Toto Wolff pensa quindi che la F1 soffrirà a non avere più il pilota finlandese in una delle migliori vetture sulla griglia. “Penso che cambi molto per la F1 che Kimi non sia più in Ferrari e cioè in una macchina in grado di vincere gare”, ha detto Wolff, in un’intervista.


“È un personaggio formidabile, è una delle pochissime persone al giorno d’oggi che rimane fedele a se stesso. Ha i suoi valori e rimane fedele ai suoi valori, ed è autentico. Questo è ciò che amano i fan, quindi che Kimi non sia più in una Ferrari è un duro colpo per tutti noi. Ma almeno non è completamente fuori dalla Formula 1. È in Alfa Romeo Sauber ed è un peccato che con Fernando Alonso che è uscito di scena e Kimi che passa dalla Ferrari alla Sauber, stiamo perdendo due personaggi incredibili in qualche modo. ”

Sebbene la Sauber sia un passo indietro per Raikkonen, Wolff è convinto che il campione del mondo 2007 abbia fatto la cosa giusta scegliendo di rimanere in F1. “Kimi Raikkonen con Sauber potrebbe togliersi molte soddisfazioni, visto che la scuderia elvetica si sta riprendendo dopo anni negativi”, ha spiegato Wolff. “È anche a soli 40 minuti da casa, quindi è in grado di stare a casa. Penso che con Frederic Vasseur, capo squadra, la scuderia sta diventando sempre più competitiva grazie al rapporto sempre più stretto con la Ferrari”.