Alfa Romeo
Alfa Romeo

Nonostante le attese e le aspettative rosee che abbiamo avuto finora, la Giulia Alfa Romeo ha subito un rallentamento produttivo.

Non è ufficiale, ma le notizie giungono dallo stabilimento: la produzione di Alfa Giulia ha subito un rallentamento. Triste la notizia che ci è stata fornita direttamente dall’interno dello stabilimento.

Un rallentamento che ha portato la produzione a 180 vetture al giorno. In stabilimento si afferma che la riduzione è per ottenere una maggior qualità produttiva. Ma c’è da dire che nel mese di ottobre si sta registrando un calo degli ordinativi ben consistente. La speranza, al momento, sono il mercato inglese e giapponese.

Dopo la salita produttiva, e il raggiungimento della massima capacità produttiva di 240 Giulia al giorno, la delusione. Sento già i commenti di chi, tristemente, è già pronto a dire che le tedesche sono migliori, che la Giulia è un flop e chi la compra non ne capisce.

a realtà di un prodotto nuovo, che deve ritagliarsi una fetta di mercato consistente in un mercato esterofilo è fatta anche di questo. Ma ciò che si deve considerare è che il rallentamento è, principalmente, dovuto al fatto che i compratori attenderanno gennaio, per non avere la vettura nel periodo di Natale.

Le ragioni del rallentamento

Ciò che, a mio avviso, frena molto gli acquirenti è l’assistenza. Si tratta di un’auto prevalentemente votata al segmento business, purtroppo. Segmento per il quale non contano la tecnica o la prontezza di sterzo. Ciò che importa soprattutto è la minimizzazione dei problemi meccanici. Problemi che anche gli altri marchi hanno, ma che vengono perdonati con maggior facilità in quanto prodotto estero.

A dar fastidio parecchio, però, è il fatto che FCA ha – rispetto agli altri brand – notevoli capacità e risorse. Ma, almeno nel passato, era ridotta ai minimi termini la volontà di risolvere i problemi. Ad oggi, però, sembra che le cose stiano cambiando. Ne è un esempio lampante il cambio sostituito sulla Giulia Quadrifoglio del quale abbiamo parlato in passato.