Home Ferrari Sebastian Vettel: “Il successo Mercedes è noioso”

Sebastian Vettel: “Il successo Mercedes è noioso”

Sebastian Vettel afferma che il dominio Mercedes è noioso

F1, GP Spagna: le impressioni di Vettel e Leclerc
F1, GP Spagna: le impressioni di Vettel e Leclerc

I campioni del mondo in carica hanno ottenuto una doppietta nelle prime quattro gare del 2019, dopo aver vinto gli ultimi cinque titoli piloti e costruttori. “Noioso, non è vero?” Ha dichiarato Sebastian Vettel.Così noioso, non sono solo quattro gare, sono passati quattro anni, più o meno“. Ma il tedesco, 31 anni, crede che la Ferrari abbia il potenziale per sfidare la Mercedes quest’anno.

Le parole di Sebastian Vettel

Dobbiamo lavorare di più, lavorare meglio. Stiamo spingendo più forte che possiamo“, ha detto Vettel, che ha vinto quattro titoli consecutivi con la Red Bull dal 2010 al 2013.

Ma devi rispettare il fatto che stanno facendo incredibilmente bene. Ma sono fiducioso, credo in questa squadra e so che possiamo migliorare, penso che abbiamo una buona macchina, ma non siamo ancora riusciti a metterla nelle posizioni che merita, quindi è difficile avere fiducia e la sensazione, ma sono sicuro che la ruota girerà“.
Vettel ha detto che la Ferrari sapeva di avere una macchina veloce ma che lottava per ottenere il meglio da essa.

È come un cubo di Rubik“, ha detto. “Abbiamo solo bisogno di risolverlo, abbiamo un sacco di gente che può fare il cubo di Rubik in un paio di minuti, abbiamo persone davvero intelligenti ma stiamo lavorando su un cubo di grandi dimensioni di Rubik“.

L’intervento di Mattia Binotto

Il Team Principal Mattia Binotto ha aggiunto: “Ovviamente quattro gare nella stagione, nessuna vittoria per la Ferrari, quattro vittorie per la Mercedes, senza dubbio sono molto forti. Certamente hanno un’auto leggermente migliore, ma penso che il divario non sia così grande e che i punti non riflettano il vero potenziale delle vetture“.

Binotto ha indicato il ritmo mostrato dall’altro pilota della Ferrari Charles Leclerc – che ha dominato in Azerbaigian nel fine settimana fino a schiantarsi nelle Q2 di sabato – come prova del potenziale della squadra.

Con Charles, avevamo il potenziale per la pole, e se hai una macchina abbastanza veloce per segnare potenzialmente la pole, hai una buona macchina in generale“, ha detto. “In gara, sì, non eravamo veloci come loro, ma non abbiamo concluso 20 secondi dietro“.